Tag

,

<!–
@page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
–>

I want somebody to share
Share the rest of my life
Share my innermost thoughts
Know my intimate details

Ci sono canzoni che parlano proprio di te, e ci sono frasi che non capisci la prima volta che le ascolti, ma che col tempo assumono un senso talmente profondo da divenire parte integrante della tua persona…mi succede tutte le volte che ascolto Somebody dei Depeche, proprio come mi e’ successo stamattina dando in pasto una cassetta a caso dal mio incasinato cruscotto…
….cominciano le prime note al piano, parte la dolce voce di Martin Lee e sei gia’ dentro a un’atmosfera diversa, il traffico attorno svanisce e cominci a pensare alla prima volta che hai sentito di importare per somebody, al momento in cui hai sentito qualcosa di magico vibrare nella tua parte piu’ intima, quella che non avevi mostrato a nessuno perche’ li’ era il tuo sacro tempio.
E lei invece ci e’ entrata cosi’, come fosse predestinata a farlo, con la stessa facilita’ con cui Artu’ estrasse Excalibur dalla roccia, con un gesto semplice e leggero
….

She’ll hear me out
And won’t easily be converted
To my way of thinking
In fact she’ll often disagree
But at the end of it all
She will understand me

Quel qualcuno che non e’ uguale a te, e che osa persino odiare i film che ami di piu’, che non ti da’ ragione su tutto, perche’ tu vuoi una persona diversa di te e a te uguale, una persona che ti arricchisca e non che ti assecondi, una persona che non ti appartenga ma che sia parte di te cosi’ come tu sei parte di lei
Una persona che ti aiuti a sopportare il mondo quando vorresti proprio mandare tutti a quel paese, e che aiuti il mondo a capire te quando soffi, inarchi la schiena e tiri fuori le unghie…

And I thank you
for bringing me here
for showing me home
for singing these tears
finally I’ve found
that I belong here

e mentre ascolti le parole di Martin Lee in testa hai gia’ cambiato canzone…..ora stai ascoltando Home e all’improvviso ripensi a quella frase di Sleepless In Seattle quando per la prima volta Tom Hanks descrive quello che per lui era sua moglie, quella frase che allora non avevi capito, o che forse non avevi ascoltato, e che invece ora pensi sia una delle piu belle definizioni che si possa dare della persona amata:

-Toccarla era come entrare a casa-